18
Apr
2019

Spedire un iPhone/iPad per assistenza o vendita: la guida completa

Smartphone e tablet sono dispositivi senza i quali non potremmo vivere: ogni giorno dipendiamo da loro per tutta una serie di attività che li hanno resi così necessari da non riuscire più ad immaginare la nostra vita senza il loro prezioso supporto. Ecco perché nel momento in cui essi non sono più disponibili o hanno bisogno di essere mandati in assistenza, si potrebbero creare delle difficoltà nella vita quotidiana, soprattutto se non si sa da dove iniziare per il processo di assistenza.

Al fine di fornire una guida il più possibile completa su come comportarsi quando è necessario rivolgersi all’assistenza, nello specifico per iPhone e iPad, ecco alcuni consigli utili per spedire il dispositivo in maniera corretta.

Come imballare un dispositivo da spedire: usare la confezione originale

Quando si compra un iPhone o un iPad è importante conservare sempre la scatola originale con la quale il dispositivo viene fornito al momento dell’acquisto. Se si dispone dell’involucro originale, infatti, non diventa necessario ricorrere ad altri tipi di imballaggio. Sarà sufficiente rimettere tutti i pezzi che vanno mandati in assistenza dove erano posizionati quando sono stati comprati.
Dopo aver posizionato tutto con cura, è importante però non rispedire la scatola così com’è, bensì inserirla all’interno di un ulteriore imballaggio (come quelli consigliati su esconti.it), avendo cura di scegliere le dimensioni di quest’ultimo con attenzione.

Esso infatti non dovrebbe risultare troppo stretto o troppo largo: la scatola originale non dovrebbe muoversi all’interno dell’imballaggio più grande, ma nemmeno entrare per pochi millimetri. A questo punto, individuata la corretta dimensione, lo spazio tra le due scatole, quella originale e l’altra più grande (possibilmente anonima), andrà riempito con del polistirolo oppure con del materiale acrilico pensato per questa funzione, come il pluriball.

Come imballare l’iPhone o l’iPad senza la confezione originale

Qualora invece, per qualsiasi motivo, non si disponesse più della confezione originale, bisognerà smontare il dispositivo in tutte le sue parti e procedere a imballarle singolarmente. Ad esempio, nel caso dell’iPhone è necessario inviare lo schermo a parte, facendo particolare attenzione nel maneggiare questo componente, in quanto risulta particolarmente fragile.
Per evitare qualsiasi possibile danno, si può utilizzare una cover apposita, in maniera tale da assicurarsi di riuscire a inviare il prodotto senza problemi.
Lo smartphone deve essere in questo caso avvolto dal pluriball e possibilmente anche dal cartone ondulato, un classico materiale impiegato per le spedizioni di oggetti fragili, che offre ulteriore protezione. È possibile acquistare questi prodotti presso una sede del corriere oppure presso le cancellerie più fornite e professionali.

Il tutto andrà poi inserito all’interno di una busta grande, dotata di leggera imbottitura. Tali misure non sono solo necessarie a proteggere l’iPhone o l’iPad da possibili rotture o graffi durante il tragitto, bensì risultano fondamentali anche per mimetizzare il contenuto della scatola al fine di evitare qualsiasi tipo di furto, uno scenario che nella spedizione a fini di vendita deve essere preso in considerazione.

Organizzare la spedizione di un iPhone/iPad: qual è la destinazione?

Uno dei primi aspetti da verificare nel momento in cui si deve spedire il proprio iPhone o iPad è quello di capire se la destinazione rientra entro i confini territoriali italiani oppure se è necessario spedire all’estero. Se si dovrà procedere a spedire il proprio dispositivo all’estero, inoltre, sarà necessario verificare l’eventuale presenza di versamenti doganali.
Una volta accertati questi aspetti, in base alla località di destinazione, sarà possibile scegliere il tipo di corriere espresso che maggiormente si adatta alle esigenze. In ogni caso è fondamentale per ragioni di sicurezza utilizzare un corriere che offra un sistema di tracciabilità. Così facendo sarà possibile controllare in ogni momento dove si trova il proprio pacco, ricevendo aggiornamenti puntuali.

Infine, bisognerebbe sempre assicurare la spedizione, per proteggersi da qualsiasi eventualità. Generalmente tutti i corrieri espressi offrono quest’opzione, ma è importante verificare che sia compresa nel tipo di spedizione che ci si trova ad organizzare, onde evitare ulteriori spese impreviste.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *